29 Jul 2020

Please reload

Pubblicazioni Recenti

CORONAVIRUS: PROROGA SOSPENSIONE ATTIVITA' PRODUTTIVE FINO AL 13/04/2020

2 Apr 2020

1/6
Please reload

In Primo Piano

CORONA VIRUS covid-19, COSA FARE QUANDO IL DIPENDENTE .....

28 Feb 2020

a seguito dei PROVVEDIMENTI URGENTI E PROVVISORI emanati dalle autorità competenti, di seguito proponiamo un breve VADEMECUM che riassume, ad oggi, come comportarsi se direttamente coinvolti in una delle fattispecie regolamentate.

 

1) COSA FARE SE:

IL DIPENDENTE E’ ASSENTE PER ORDINANZA DELLA PUBBLICA AUTORITÀ

ED E’ POSTO IN QUARANTENA OBBLIGATORIA,

DEVO PAGARE COMUNQUE LA RETRIBUZIONE ED I CONTRIBUTI ??

Il lavoratore in “quarantena con sorveglianza attiva”, così come identificato nell'art. 1 del D.L. n. 6/2020 lettera h) applicazione della misura della quarantena con sorveglianza attiva agli individui che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva diffusiva, è da considerarsi sottoposto a un trattamento sanitario e perciò la sua assenza rientra nella disciplina della malattia e seguirà le indicazioni del CCNL applicato dall'azienda. Inoltre è cura del lavoratore trasmettere il relativo certificato medico e produrre la documentazione necessaria a certificare/attestare il suo status. In questa situazione si realizza la sopravvenuta impossibilità a recarsi al lavoro per cause indipendenti dalla volontà del lavoratore, che risulta assente ma percepirà la retribuzione calcolata in conformità al CCNL adottato. E’ evidente che l’assenza del lavoratore è giustificata in quanto dettata dal provvedimento d’ordine pubblico, finalizzato alla tutela della salute pubblica delle persone.

 

2) COSA FARE SE:

IL DIPENDENTE E’ ASSENTE PER ORDINANZA DELLA PUBBLICA AUTORITÀ

ED E’ POSTO IN QUARANTENA VOLONTARIA,

DEVO PAGARE COMUNQUE LA RETRIBUZIONE ED I CONTRIBUTI ??

Il lavoratore in “quarantena volontaria”, così come identificato nell'art. 1 del D.L. n. 6/2020 lettera i) previsione dell'obbligo da parte degli individui che hanno fatto ingresso in Italia da zone a rischio epidemiologico, come identificate dall'Organizzazione mondiale della sanità, di comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio, che provvede a comunicarlo all'autorità sanitaria competente per l'adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva, è da considerarsi sottoposto a un trattamento sanitario e perciò la sua assenza rientra nella disciplina della malattia e seguirà le indicazioni del CCNL applicato dall'azienda. Inoltre è cura del lavoratore trasmettere il relativo certificato medico e produrre la documentazione necessaria a certificare/attestare il suo status. In questa situazione si realizza la sopravvenuta impossibilità a recarsi al lavoro per cause indipendenti dalla volontà del lavoratore, che risulta assente ma percepirà la retribuzione calcolata in relazione al CCNL adottato. E’ evidente che l’assenza del lavoratore è giustificata in quanto dettata dal provvedimento d’ordine pubblico, finalizzato alla tutela della salute pubblica delle persone.

 

3) COSA FARE SE:

IL DIPENDENTE E’ ASSENTE PER PAURA, PERCHÉ TIMOROSO DI UN POSSIBILE CONTAGIO E NON RIENTRA NEI SOGGETTI SOTTOPOSTI A LIMITI/VINCOLI DI LEGGE,

DEVO PAGARE COMUNQUE LA RETRIBUZIONE ED I CONTRIBUTI ??

Al lavoratore assente per paura, perché timoroso di un possibile contagio e non sottoposto a nessuna limitazione (quarantena obbligatoria/volontaria) prevista dall'attuale normativa, non può essere riconosciuta nessuna giustificazione. In questi casi egli potrà chiedere di usufruire di permessi o ferie maturati, che potranno essergli concessi o negati, nell'ambito della esecuzione del rapporto di lavoro ma per i motivi generici previsti per questi istituti, ovvero quelli dettati dalle previsioni del datore di lavoro in ragione delle esigenze di carattere organizzativo, tecnico e/o produttivo. Non assume quindi nessuna rilevanza la mera “paura/timore” ai fini dell’assenza, in quanto verrebbe considerato assente ingiustificato, con tutte le conseguenza del caso, soprattutto dal punto di vista disciplinare, realizzandosi situazioni che possono prevedere anche il licenziamento.

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Please reload

Archivio

CIRCOLARI

Studio Dott. ssa Edi Gardin - Consulente del Lavoro
Centro Direzionale Diemme in Strada Battaglia 71/C

Albignasego, 35020 (PD)

Tel. 049-8626022

Fax 049-8626472

© 2017 by Info. Assist. srl